Buona festa del Papà!

15 Marzo 2016

Sabato festeggeremo i papà, coloro con cui iniziamo la meravigliosa e nuova avventura di una famiglia tutta nostra. Il compagno di giochi dei nostri figli, la figura protettiva che li fa sentire al sicuro , che li porta sulle forti spalle facendo sentir loro dei giganti, che sa educarli con dolcezza e fermezza facendo capire cosa è giusto e non giusto fare, che li avvolge di calore e coccole tra le sue grandi braccia! Per questi motivi, insieme a tanti altri, i papà si meritano un giorno tutto loro. Lo decise per prima una donna statunitense, che nei primi anni del '900 scelse come data proprio il compleanno del suo papà, una domenica di Giugno. Da quel momento, nei paesi che seguono la tradizione statunitense, ogni terza domenica di questo mese, si è iniziato a festeggiare tutti i papà! Con il tempo questa festa è spopolata in tutto il mondo, cadendo il 19 Marzo, giorno di San Giuseppe, nei Paesi di tradizione Cattolica come l'Italia. La figura del papà è cambiata con gli anni, non che prima non fosse presente, ma oggi è più facile vedere papà che abilmente cambiano i pannolini e preparano le pappe, che si informano sui possibili rimedi per le coliche e che si occupano dei piccoli anche quando noi mamme siamo via per lavoro o altro! E lo fanno molto bene! Diciamo poi che, a differenza nostra, spesso sono anche più bravi nel mantenere calma e self control di fronte alle piccole difficoltà o a semplici imprevisti facilmente risolvibili, trasmettendoci la tranquillità che a volte ci manca. Sono tante e diverse le usanze legate a questa festività, seppur non istituzionale, in ogni regione, ma da nord a sud ogni bambino, con l'aiuto della propria mamma, prepara regalini, impara poesie o filastrocche e si diletta in cucina nella preparazione di dolci con cui stupire il proprio papà! I dolci tipici del nostro Paese sono le frittelle, che assumono varianti con ingredienti diversi sempre passando da una regione all'altra. Ad esempio nel Nord si è soliti preparare la Raviola, nelle regioni centrali sono diffuse delle frittelle a base di riso cotto nel latte al quale vengono aggiunti altri ingredienti come i canditi o l'uva passa, mentre al sud ci sono le Zeppole. Gli asili e le scuole propongono ogni anno dei lavoretti manuali davvero carini e originali, a questi o a quelli nati in casa dalla creatività della mamma, possiamo aggiungere una filastrocca, scritta se è ancora presto per recitarla, e un ottimo dolce sano per rendere ancora più dolce la giornata del nostro papà! Ecco due delle nostre filastrocche preferite: Il Principe di M. Moschini Arriva un Principe con un cavallo bianco: viene da lontano e sembra molto stanco. Al posto della spada c'è l'ombrello e c'è il cappotto al posto del mantello; però a guardarci bene il cavallo non ce l'ha, io gli corro incontro e gli dico "Ciao papà" Per la festa del Papà di Jolanda Restano Per la festa del Papà ho pensato là per là come fare un grande dono al mio babbo tanto buono. Ho pensato ad una torta tonda o quadrata, poco importa! Poi ad un cane o ad un castello grande, grosso, molto bello... Poi a un viaggio favoloso, straordinario e avventuroso... Ma son piccolo e perciò tanti soldi non ne ho! Bhe', pazienza, sai che faccio? Gli do solo un grande abbraccio! Su filastrocche.it potrete trovarne molte altre da cui prendere spunto! Ed ecco un'idea sana per deliziare le papille gustative del papà, da preparare con l'aiuto dei nostri piccoli chef! Ricetta delle frittelle di riso e mele al forno Ingredienti: 500ml di latte, scegliete voi la tipologia 500ml di acqua 200gr di riso 130gr di zucchero di canna integrale 1 uovo bio 1mela 2 cucchiai di farina integrale o di avena 1/2 bacca di vaniglia Procedimento: Per prima cosa accendiamo il forno così che raggiunga i 180* una volta che avremo l'impasto pronto. Ora facciamo bollire il latte con l'acqua insieme alla bacca di vaniglia, togliamo quest'ultima e, raggiunta l'ebollizione, ci versiamo il riso e lo cuociamo per il tempo di cottura indicato sulla confezione a fiamma bassa, se il liquido non è stato ancora assorbito totalmente continuiamo affinché questo avviene. Spostiamo poi la pentola dal piano cottura e ci versiamo lo zucchero, mescolando fino a che si scioglie. Aggiungiamo anche l'uovo e mescoliamo. Facciamo raffreddare il composto e a questo punto aggiungiamo gli ultimi due ingredienti: la farina e la mela tagliata a piccoli tocchetti. Mescoliamo. Foderiamo con carta da forno una teglia e con un mestolo piccolo o un cucchiaio preleviamo la quantità necessaria per formare un dischetto di circa 5cm di diametro, che disporremo appunto sulla teglia. Inforniamo per 45 minuti e serviamo tiepide, anche fredde sono buonissime! Non ci resta che goderci una giornata tutta dedicata alla famiglia, con la felicità dei bambini di aver contribuito a realizzare con le proprie mani dei regali per il papà e perché no, approfittando del week-end per una gita tutti insieme fuori porta! Voi cosa farete e preparerete per questa giornata? A presto Mamme!



Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di diventare pubblici


Anche su News

È finalmente arrivato il tappo!
È finalmente arrivato il tappo!

16 Agosto 2017

Noi mamme sappiamo che ogni bimbo è unico nei suoi appetiti e nelle sue abitudini alimentari e così abbiamo pensato a un tappo che permetta di chiudere e conservare in frigorifero una vaschetta già aperta e non completamente consumata.

Leggi l'articolo →

Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!
Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!

09 Agosto 2017

Il pesce è ricco di proteine nobili e sostanze indispensabili per lo sviluppo, anche cerebrale, del bambino, come ad esempio gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, ma anche vitamine e sali minerali.
Quale pesce scegliere?

Leggi l'articolo →

Mamma M’Ama: la certezza del meglio!
Mamma M’Ama: la certezza del meglio!

02 Agosto 2017

Care mamme, quando abbiamo iniziato lo svezzamento dei nostri bambini, eravamo sempre alla costante ricerca dei migliori ingredienti da utilizzare per le loro pappe. Però non siamo mai state pienamente soddisfatte di ciò che trovavamo in commercio...

Leggi l'articolo →