Condimenti per i bambini: il burro

08 Marzo 2016 Un commento

Condimenti per i bambini: il burro

Definendolo in maniera semplice altro non è che il grasso del latte concentrato, nella pratica è un'emulsione più complicata, la cui qualità varia in base alla materia prima di partenza ma anche alla lavorazione. Senza entrare nelle specifiche tecniche possiamo limitarci nel dire che il burro migliore è quello artigianale e biologico. In un'alimentazione equilibrata è importante che sia presente anche questo alimento, che ha un apporto calorico leggermente inferiore a quello dell'olio di oliva. Sembra un paradosso ma è così, anche se questo non è comunque sufficiente per preferirlo a lui. La differenza tra i due condimenti consiste anche nel fatto che il burro contiene colesterolo e il nostro corpo, nelle giuste dosi, ne necessita per funzionare al meglio. Fino ai tre anni i bambini hanno bisogno di una quantità di grassi e colesterolo maggiore rispetto agli adulti in quanto importanti per una buona formazione del loro sistema nervoso. Abbiamo detto che la scelta migliore ricade su quello biologico ed artigianale, ricco di vitamina A e sali minerali, senza residui chimici o comunque presenti in quantità davvero basse. Il burro andrebbe consumato solo a freddo, ha infatti un punto di fumo molto basso, quindi durante le cotture rilascia sostanze dannose per l'organismo. Preferibilmente dopo l'anno possiamo ad esempio mantecare il risottino per i nostri bambini con un piccolo pezzo di burro, circa 10-15 grammi, evitandolo cotto, soprattutto nelle preparazioni industriali dolci e salate, almeno fino ai 2 anni. Quindi l'uso sporadico nelle corrette dosi, assolutamente a crudo e senza dimenticare la qualità, permetterà di beneficiare di ciò che anche questo alimento ha di positivo: ~la vitamina A, come già accennato prima, importantissima per la vista e molte altre funzioni che svolge il nostro organismo ~le vitamina K e D ~il buttirato, un acido grasso in grado di rafforzare il sistema digestivo e quello immunitario                 ~i sali minerali, importanti per la crescita ~l' acido linoleico con benefici per il cervello e per il sistema nervoso ~il colesterolo buono che riduce sin dall'infanzia il rischio di malattie cardiovascolari. Non stiamo dicendo che il burro fa bene, ma semplicemente che ogni tanto possiamo utilizzarlo come differente condimento per i piatti dei nostri bambini, soprattutto se biologico, perché anche lui può apportare elementi a beneficio dell'organismo. Nemica del burro (e anche del nostro organismo) è la margarina, spesso proposta come alternativa più salutare perché ormai sostituta da quella priva di grassi idrogenati (non sempre!) e perché ingannevole con la sua origine vegetale. In effetti essa si ottiene per lo più da oli vegetali, ricchi di grassi insaturi che sono preferibili a quelli saturi in quanto meno pericolosi per le arterie, ma il problema è che questi grassi vengono sottoposti a dei processi chimici, con la presenza di nichel, che ne modificano la consistenza e la qualità per arrivare ad ottenere un prodotto solido. Durante questo processo, definito di idrogenazione, si riduce il quantitativo di colesterolo buono aumentando quello dannoso per il sistema cardio-circolatorio. Inoltre, seppur in piccola percentuale, vengono spesso aggiunti anche grassi di origine animale, ma di scarto e quindi di scarsissima qualità. Inoltre, seppur dichiarata priva di grassi idrogenati, non va comunque considerata un buon alimento perché il processo fisico a cui si ricorre come alternativa porta alla separazione della parte satura da quella instaura, utilizzando poi la prima! Insomma, siamo di fronte ad un grasso che non esiste in natura, ma che conviene ottenere attraverso dei processi chimici che annullano ogni proprietà nutrizionale che può esserci in partenza, anche se nella maggioranza dei casi le materie prime sono olio di palma e di cocco, che come già detto nel nostro precedente post sono da evitare! Perché utilizziamo il termine "conviene"? Perché sono solo le aziende che producono la margarina a trarre dei vantaggi, economici! Essa ha infatti un tempo di conservazione maggiore rispetto al burro e non necessita di basse temperature, lo dimostra il fatto che, seppur debba essere tenuta in frigorifero, i prodotti confezionati che la contengono hanno una scadenza più lunga. Inoltre la scarsa qualità degli oli utilizzati rende la sua realizzazione più economica. Non basta quindi non acquistarla, è necessario prestare attenzione agli ingredienti elencati sulle confezioni, sempre! Per concludere, care Mamme, possiamo dire che la margarina andrebbe assolutamente evitata nell'alimentazione dei nostri piccoli, il burro dato ogni tanto fa bene alternandolo al condimento per eccellenza: il nostro caro Olio Extravergine di Oliva; miraccomando però, la scelta deve ricadere sulla qualità, quindi burro biologico e artigianale! A presto!



Una risposta

Oltrechemamma
Oltrechemamma

13 Giugno 2017

Concordo con te: olio evo re indiscusso, burro poco e solo bio!

Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di diventare pubblici


Anche su News

È finalmente arrivato il tappo!
È finalmente arrivato il tappo!

16 Agosto 2017

Noi mamme sappiamo che ogni bimbo è unico nei suoi appetiti e nelle sue abitudini alimentari e così abbiamo pensato a un tappo che permetta di chiudere e conservare in frigorifero una vaschetta già aperta e non completamente consumata.

Leggi l'articolo →

Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!
Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!

09 Agosto 2017

Il pesce è ricco di proteine nobili e sostanze indispensabili per lo sviluppo, anche cerebrale, del bambino, come ad esempio gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, ma anche vitamine e sali minerali.
Quale pesce scegliere?

Leggi l'articolo →

Mamma M’Ama: la certezza del meglio!
Mamma M’Ama: la certezza del meglio!

02 Agosto 2017

Care mamme, quando abbiamo iniziato lo svezzamento dei nostri bambini, eravamo sempre alla costante ricerca dei migliori ingredienti da utilizzare per le loro pappe. Però non siamo mai state pienamente soddisfatte di ciò che trovavamo in commercio...

Leggi l'articolo →