Consigli tra mamme: il Bagnetto

27 Novembre 2015

Consigli tra mamme: il Bagnetto

Care Mamme, settima scorsa abbiamo parlato di come poter fare il bucato dei nostri piccoli utilizzando detergenti non aggressivi che rispettino la loro delicatissima pelle. Proprio lei, della quale bisogna prendersi cura con ancora più rispetto ed estrema naturalezza. Basta pensare che è cinque volte più sottile rispetto a quella di noi adulti, che non presenta ancora lo strato di grasso che la protegge dagli agenti chimici ed esterni, che non permette di regolare la temperatura corporea perché le sue ghiandole sudoripare non sono del tutto formate. Il sudore stesso permette di proteggere la pelle perché contiene sostanze antimicrobiche, così come il ph per noi adulti acido, ma per i neonati ancora neutro, quindi non in grado di riparare le cellule dagli agenti esterni. Anche la melanina è ancora assente, quindi grande attenzione all' esposizione al sole! Intorno ai 2-3 anni la pelle dei nostri piccoli avrà raggiunto maturità sotto questi aspetti appena elencati, ma fino ad allora dovremo occuparcene con molta, molta attenzione, a partire dalle cure quotidiane che dedichiamo loro! Il momento del bagnetto è sicuramente tra i ricordi che custodiamo dei primi mesi, con lo scopo non solo dell' igiene quanto più del rilassamento e del gioco tra noi e i nostri bimbi. Non a tutti piace l'acqua, inizialmente alcuni potrebbero vivere una sorta di insicurezza non sentendo un corpo vicino, è quindi importante abituarli gradualmente a questa esperienza, con gesti e toni che trasmettano loro fiducia magari cantando una canzoncina, parlando, sorridendo, accarezzandoli. Prima della caduta del temuto cordone ombelicale è consigliato, così come ci hanno mostrato le ostetriche nei primi giorni in ospedale, sciacquare rapidamente il piccolo sotto il getto del rubinetto con la maneggevolezza che non proprio tutte abbiamo! In alternativa possiamo avvalerci di una morbida spugna naturale immersa in acqua tiepida per lavare il nostro bimbo, sdraiato sul fasciatoio o altro piano, a pezzi. Bisogna avere comunque cura di asciugare il moncone attaccato all' ombelico, noi utilizzavamo poi una soluzione di alcool denaturato al 70% fatta preparare in farmacia per disinfettarlo, una polvere di arnica, Calendula ed echinacea della Weleda image per aiutarne l' esiccazione e una garza sterile monouso, piegata a metà, da arrotolarci attorno partendo dall' attaccatura, infine una retina elastica per fermare il tutto. Procedimento da ripetersi non solo dopo il lavaggio, ma per ogni cambio di pannolino. Quando finalmente il cordone si sarà naturalmente staccato, di solito entro la seconda settimana di vita, potremo immergere il nostro piccolo nella sua vaschetta per il vero e proprio bagnetto! Essendo anche un momento di relax noi lo abbiamo introdotto come abitudine serale che anticipa la messa a nanna, per i primi mesi seguito dall'ultima poppata (ne seguono alcune notturne, anche diverse, nelle prime settimane!!) Diventa così un momento anche per noi in cui fermarci e goderci questa coccola! Per l' atto pratico scaldiamo la stanza scelta per avere una temperatura di almeno 20 gradi, riempiamo la vaschetta con acqua sui 35-37 (i termometri appositi dalle simpatiche forme sono davvero utili!) e portiamo tutto quello che sarà necessario a portata di mano per evitare poi di girare per casa alla ricerca di asciugamani, pannolino, crema, body e pigiama. Inizialmente è sufficiente la sola acqua, noi abbiamo spesso aggiunto l' amido di riso naturale, emolliente e, nelle stagioni più calde, rinfrescante. image Immergiamo poi pian piano il piccolo in acqua, facendo poggiare la sua testa sul nostro avambraccio sinistro, sostenendo con il nostro pollice la sua spalla e con il resto delle dita la sua ascella; con la mano destra passiamo la spugna o le nostre dita sul suo corpicino. Scegliendo i prodotti giusti potremo stare tranquille che la pelle dei nostri piccoli verrà comunque trattata con naturalezza e delicatezza. Oltre all' amido di riso, dopo alcune settimane, abbiamo optato per detergenti selezionati in grado di donare la giusta idratazione prevenendo arrossamenti e irritazioni, in tutta sicurezza. Bema Cosmetici propone un unico prodotto con la funzione di bagnoschiuma, shampoo e sapone per il cambio pannolino, fino ai 12 mesi, a base di amido di riso, olio di mandorle dolci e oli biologici di oliva. Dopo l' anno ci sono gli specifici per capelli e per corpo. image Per la coccola del massaggio abbiamo usato olio di mandorle dolci, quello di Linea Mamma Baby lo utilizzavamo già come anti smagliature durante la gravidanza ed è ottimo per idratare rispettando la sensibilità dei piccoli, proprio grazie alla sua composizione molto simile al sebo prodotto dall'epidermide, aiuta molto anche con la crosta lattea che può comparire nei primissimi mesi. Ci siamo trovate molto bene anche con "Emulatte" di Fiocchi di Riso, un balsamo idratante e detergente a base di olio di argan, di oliva e di riso biologici. image                                    image Per il cambio pannolino invece, soprattutto nel caso di arrossamenti e irritazioni, la Pasta Emu è stata davvero risolutiva! Un buon concentrato di aloe vera, omega 3,6,9 e olio di emu, senza paraffina, ossido di zinco, coloranti e profumi. Altrettanto ottima la Crema protettiva alla Calendula di Weleda, non solo in caso di eritemi da pannolino, ma anche ad esempio per rossori causati dal freddo, insomma una soluzione ai problemi cutanei quando l'obiettivo è lenire! Se il sederino non lo richiede possiamo tranquillamente saltare la passata di pomata, lasciando piuttosto il piccolo per qualche minuto libero, senza pannolino (mi raccomando un asciugamano nei paraggi!). Le classiche salviette umidificate andrebbero davvero evitate, a meno che ce ne sia l'immediato bisogno, e sostituite con una bella rinfrescata sotto la sola acqua, è più che sufficiente! E ora..puliti, idratati e pronti per la nanna! Voi invece con quali prodotti per bambini vi siete trovate bene? A presto Mamme!



Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di diventare pubblici


Anche su News

L’importanza del Beta-carotene durante lo svezzamento!
L’importanza del Beta-carotene durante lo svezzamento!

23 Agosto 2017

Il Beta-carotene è un carotenoide, ovvero una sostanza appartenente al gruppo di pigmenti rosso, giallo ed arancione, che sono precursori della vitamina A. È contenuto non solo nelle carote, ma in molta frutta, nelle verdure a foglia verde, nei cereali e negli oli...

Leggi l'articolo →

È finalmente arrivato il tappo!
È finalmente arrivato il tappo!

16 Agosto 2017

Noi mamme sappiamo che ogni bimbo è unico nei suoi appetiti e nelle sue abitudini alimentari e così abbiamo pensato a un tappo che permetta di chiudere e conservare in frigorifero una vaschetta già aperta e non completamente consumata.

Leggi l'articolo →

Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!
Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!

09 Agosto 2017

Il pesce è ricco di proteine nobili e sostanze indispensabili per lo sviluppo, anche cerebrale, del bambino, come ad esempio gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, ma anche vitamine e sali minerali.
Quale pesce scegliere?

Leggi l'articolo →