Consigli tra Mamme: la cura dei dentini!

12 Febbraio 2016

Eccoci a parlare di nuovo di dentini, quelli che tanto possono innervosire e infastidire i nostri bambini facendoci affrontare momenti non proprio facili, quelli che spuntano a partire dal sesto mese fino a completare le piccole arcate dentarie intorno ai 2 anni, rimanendoci all'incirca fino ai 6 per poi lasciar spazio a dei nuovi arrivati, quelli permanenti. I dentini da latte vanno curati sin dal principio perché dalla loro salute dipenderà anche quella dei permanenti, nonché la salute dell'intera bocca. Un mix tra corretta alimentazione e igiene orale è la soluzione! Di alimentazione sana ne parliamo continuamente, quindi è scontato ribadire gli effetti negativi che caramelle, cioccolatini, patatine hanno anche sui denti; qui spiegheremo come iniziare a tenere puliti loro e le gengive prima che i nostri bimbi siano in grado di essere autonomi con spazzolino e dentifricio. Fino ad alcuni anni fa la profilassi iniziava con la somministrazione, già a partire dai primi mesi, di fluoro in gocce. Il dibattito in merito è abbastanza controverso perché studi recenti hanno mostrato maggiori lati negativi rispetto ai benefici di questa sostanza. È inoltre emerso che la sua aggiunta sotto forma di integratore ha spesso determinato una fluorosi, ovvero una dose eccessiva assorbita dall'organismo, con conseguenze opposte a quelle promesse tra cui carie e indebolimento dello smalto. Questo perché il fluoro è già presente ad esempio in alcune acque potabili e in bottiglia, in alcuni alimenti confezionati, in alcuni dentifrici; ma anche nel pesce, nel pollo, nel latte materno e in quello artificiale, nella frutta e nella verdura, nei formaggi. Insomma, il basso fabbisogno viene facilmente raggiunto con la sola alimentazione; basti pensare che un litro di acqua apporterebbe la giusta dose di fluoro giornaliera. È quindi fortemente consigliato ridurne l'assunzione, soprattutto nei bambini! L'igiene orale dovrebbe essere garantita ancor prima che appaiano i primi dentini e questo può essere fatto nei neonati con l'utilizzo di una garza sterile imbevuta di acqua, avvolta attorno a un nostro dito e passata leggermente sulle gengive, così da eliminare i residui di latte e contemporaneamente alleviare i fastidi della dentizione. Esistono anche degli spazzolini interamente in gomma adatti per massaggiare dolcemente le gengive. La garza può essere usata anche con la comparsa dei primissimi denti sostituendola poi con il primo spazzolino. Come dovrebbe essere il primo spazzolino? In commercio è facile trovare quello giusto, viene indicata l'età di riferimento e le setole devono essere morbide e corte, l'impugnatura comoda. Esso è lo strumento migliore per rimuovere la placca batterica, associato al dentifricio; quello per adulti è assolutamente bandito perché contenente un alto concentrato di fluoro, dannoso per i più piccoli, soprattutto non essendo loro ancora in grado di non ingerirlo. Potremo iniziare con lo spazzolino passato semplicemente sotto il getto d'acqua del rubinetto, oppure optare per dei dentifrici specifici privi di fluoruro e altre sostanze potenzialmente dannose per nei primi mesi di vita. È sufficiente una piccola quantità. image                   image              image Questi sono i dentifrici che noi abbiamo scelto, con ingredienti sicurissimi per i più piccoli anche se ingeriti, rispettivamente di Weleda, Anthyllis e Bjiobj. Il primo è adatto anche ai vegani e contiene particelle minerali a base di acido silicilico che aiutano a rimuovere la placca prevenendo la formazione di carie. Il secondo ha una formula a base di malva ed aloe vera biologici. L'aloe è presente anche nel terzo dentifricio citato, con lo xilitolo che contrasta la formazione di tartaro e carie e la calendula che ha proprietà lenitive. Non tutti i bambini si mostrano entusiasti però nel farsi mettere mani o altro in bocca, dobbiamo quindi essere brave nel rendere quest'abitudine un gioco, un momento divertente e piacevole. Non appena saranno in grado di tenere in mano gli oggetti lasciamo loro un piccolo spazzolino da conoscere e scoprire, magari nello stesso momento in cui noi laviamo i nostri denti, stando di fronte, per poi infine passare alla loro di igiene. I movimenti devono essere inizialmente rotatori, poi dalla gengiva alla fine del dente ed infine sfregamenti in orizzontale sulla superficie dentale. Pian piano faremo tenere in mano al piccolo il suo spazzolino e, con la nostra mano sulla sua, lo guideremo insegnandogli come fare; in questo modo si abituerà facilmente alla tecnica, ripetendola in automatico quando riuscirà a far tutto da solo! Al termine di ogni pasto il piccolo saprà di dover lavare i denti, con il nostro controllo almeno fino ai 5 anni. Per rendere il momento davvero piacevole, soprattutto la sera quando la stanchezza rende tutto più difficile e servono soluzioni per incentivare i bimbi a compiere le routine un po' noiose,BabyGreen ci suggerisce 5 idee carine da mettere in atto per andare a nanna con i dentini puliti! Ricordiamoci che le basi per la salute, anche quella della bocca, vanno messe già da piccoli! A presto Mamme!



Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di diventare pubblici


Anche su News

È finalmente arrivato il tappo!
È finalmente arrivato il tappo!

16 Agosto 2017

Noi mamme sappiamo che ogni bimbo è unico nei suoi appetiti e nelle sue abitudini alimentari e così abbiamo pensato a un tappo che permetta di chiudere e conservare in frigorifero una vaschetta già aperta e non completamente consumata.

Leggi l'articolo →

Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!
Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!

09 Agosto 2017

Il pesce è ricco di proteine nobili e sostanze indispensabili per lo sviluppo, anche cerebrale, del bambino, come ad esempio gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, ma anche vitamine e sali minerali.
Quale pesce scegliere?

Leggi l'articolo →

Mamma M’Ama: la certezza del meglio!
Mamma M’Ama: la certezza del meglio!

02 Agosto 2017

Care mamme, quando abbiamo iniziato lo svezzamento dei nostri bambini, eravamo sempre alla costante ricerca dei migliori ingredienti da utilizzare per le loro pappe. Però non siamo mai state pienamente soddisfatte di ciò che trovavamo in commercio...

Leggi l'articolo →