La spesa per i piccoli: frutta e verdura di stagione!

26 Gennaio 2016

Care Mamme, abbiamo spesso ribadito l'importanza di un'alimentazione varia, oltre che salutare, per garantire ai nostri bambini tutti i principi nutritivi che necessitano, dando priorità nella loro dieta a frutta e verdura. (Questo ovviamente vale anche per noi adulti!) La terra ci regala questi alimenti seguendo un ciclo naturale, quindi non possiamo ad esempio trovare la zucchina ogni mese dell'anno, anzi non dovremmo ma in realtà succede perché nel corso degli anni l'uomo è ricorso alla tecnologia per ottenere alimenti senza distinzione di mesi e stagioni. Gli animali si lasciano guidare dalla natura alimentandosi con quello che lei offre loro permettendo la conservazione delle specie, i nostri antenati facevano lo stesso non avendo altri mezzi per procurarsi il cibo se non quello offerto spontaneamente dalla terra. Al giorno d'oggi possiamo trovare al banco del supermercato tutti i tipi di frutta e verdura, rispettando ben poco la loro stagionalità e l'armonia che esiste in natura tra uomo e ambiente. Non è un caso se le fragole non maturano a Dicembre e le arance non crescono sugli alberi a Giugno, tutto ha un perché! È importante scegliere alimenti di stagione per offrire ai nostri piccoli il massimo dei principi nutritivi, delle vitamine, dei sali minerali in essi contenuti. Queste sostanze sono diverse per ogni frutto così come per ogni stagione, l'obiettivo è sempre quello di soddisfare le esigenze del nostro organismo. La stagione in cui ci troviamo ora non offre molte giornate di sole, grande amico per le nostre ossa e i nostri denti, così come le basse temperature mettono a dura prova le nostre difese immunitarie con raffreddore, tosse e influenza spesso dietro l'angolo. Come possiamo quindi proteggere i nostri bambini? È la natura stessa a regalarci le soluzioni: ortaggi autunnali quali cavolfiori, broccoli, spinaci, bietole sono ricchi di vitamina K e calcio, necessari quando la luce solare manca, mentre frutti come mele, pere, arance e kiwi sono fonte di Vitamina C, che rinforza le nostre difese immunitarie! In Estate il nostro corpo avrà altre necessità in relazione al clima; il caldo fa sudare, perdiamo liquidi e infatti durante i mesi estivi troviamo frutti dissetanti come fragole, melone, anguria, prugne, ciliegie e verdure come pomodori, zucchine e melanzane, molto ricchi di acqua e sali minerali per integrare quelli persi con la sudorazione. Contengono inoltre una buona quantità di carotenoidi che proteggono pelle e occhi dai danni che i raggi solari possono causare. Consumare frutta e verdura di stagione ci aiuta quindi a mantenerci in salute colmando le esigenze che il nostro organismo ha in base al clima che deve affrontare, ma anche perché apporta il massimo delle sostanze nutritive essendo i prodotti cresciuti e maturati con la luce solare e nel periodo dell'anno a loro consono, senza dover ricorrere a metodi che simulino un clima opposto e senza dover uscire dal proprio territorio. Vi siete chiesti come una fragolina di bosco possa resistere al freddo invernale e apparire sul banco del supermercato come appena colta? Esistono due risposte: -è cresciuta e maturata in una serra la cui alta temperatura ha permesso la sua sopravvivenza, come se fosse in piena estate. Il clima non è però reale, le piante lo percepiscono, per questo sono più deboli e più facilmente attaccabile da insetti che possono danneggiarle; l'uomo cerca di rafforzarle e di evitare l'attacco dei nemici con sostanze, spesso chimiche, come fertilizzanti e pesticidi -proviene da paesi molto lontani, talmente lontani da avere il clima opposto al nostro. In questo caso viene fatta maturare in celle frigorifere per evitare che giungano a destinazione con brevissima vita. Possono viaggiare anche per giorni e quindi essere mantenuti a bassissime temperature per lo stesso tempo, riducendone così notevolmente i nutrienti. Tutto questo ha delle conseguenze per il nostro benessere perché mangiamo qualcosa che è pressoché privo di principi attivi e quindi poco utile nel soddisfare le esigenze del nostro corpo durante quella specifica stagione. Le conseguenze negative ricadono anche sul pianeta perché: -le serre consumano molta energia per produrre calore, energia che spesso proviene da combustibili fossili che di certo non giovano al nostro pianeta -i camion, i treni, le navi o gli aerei che trasportano da un paese all'altro frutta e verdura non di stagione funzionano con carburante che rilascia nell'aria che respiriamo sostanze nocive con gravi danni per l'effetto serra ma anche per noi stessi -i pesticidi e fertilizzanti inquinano acque e suoli portando a una perdita delle biodiversità, essenziali per il benessere della Terra. Infine ne paghiamo le conseguenze anche sul piano economico perché acquistare un prodotto fuori stagione richiede un costo maggiore per coprire quelli di produzione per il mantenimento delle serre o per l'uso di additivi che ne aiutano la crescita in un clima poco consono, quelli di conservazione prima che venga spedito, quelli di trasporto per raggiungere la regione o il paese di destinazione in cui verrà venduto. Consumando frutta e verdura di stagione riduciamo i tempi tra raccolta e consumo, ancor di più se consumiamo prodotti a km zero, ovvero coltivati a poca distanza dal luogo in cui si vive, abbattendo anche i costi di trasporto. Oltre a tutti i vantaggi elencati, scegliendo prodotti di stagione abituiamo i nostri piccoli a crescere in armonia con l'ambiente che li circonda, con la natura e ciò che essa offre, capendo l'alternarsi delle stagioni grazie a quello che noi mettiamo loro nel piatto. Assoceranno ad esempio l'inizio della primavera alle prime fragole, le grandi fette di melone o anguria all'estate, l'uva e le mele alle foglie che iniziano a cadere dagli alberi e quindi ai mesi autunnali, mentre le merende con spremute d'arancia al freddo invernale! Possiamo appendere in cucina un calendario come promemoria per tutto l'anno, uno davvero carino è quello pubblicato sul sito www.healthrevolution.it image  dove c'è inoltre la possibilità di scaricare due pdf: uno per la frutta e uno per la verdura! Noi stesse abbiamo scelto di seguire il naturale corso della natura, per questo le ricette delle nostre pappe cambiano con le verdure reperibili nella stagione in cui ci si trova! A presto Mamme!



Lascia un commento

Nota: i commenti devono essere approvati prima di diventare pubblici


Anche su News

L’importanza del Beta-carotene durante lo svezzamento!
L’importanza del Beta-carotene durante lo svezzamento!

23 Agosto 2017

Il Beta-carotene è un carotenoide, ovvero una sostanza appartenente al gruppo di pigmenti rosso, giallo ed arancione, che sono precursori della vitamina A. È contenuto non solo nelle carote, ma in molta frutta, nelle verdure a foglia verde, nei cereali e negli oli...

Leggi l'articolo →

È finalmente arrivato il tappo!
È finalmente arrivato il tappo!

16 Agosto 2017

Noi mamme sappiamo che ogni bimbo è unico nei suoi appetiti e nelle sue abitudini alimentari e così abbiamo pensato a un tappo che permetta di chiudere e conservare in frigorifero una vaschetta già aperta e non completamente consumata.

Leggi l'articolo →

Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!
Pesce e svezzamento: i consigli delle mamme di Mamma M’Ama!

09 Agosto 2017

Il pesce è ricco di proteine nobili e sostanze indispensabili per lo sviluppo, anche cerebrale, del bambino, come ad esempio gli acidi grassi polinsaturi Omega-3, ma anche vitamine e sali minerali.
Quale pesce scegliere?

Leggi l'articolo →